PSOAS

“Quando si coglie una singola cosa in natura, ci si accorge che essa è attaccata al resto del mondo”. John Muir

Lo PSOAS è il muscolo più profondo e forte del nostro corpo ed anche uno dei meno conosciuti;  parte dalla vertebra dorsale (toracica) T12 passando per le 5 vertebre lombari e finisce sulla coscia.

È l’unico muscolo che connette le gambe alla colonna vertebrale, lungo circa 40.6 cm,  permette di stare in piedi, di mantenere l’equilibrio nei movimenti e di camminare.

Si può dire che lo psoas sia il nostro sostegno primario. Attraverso la sua azione la colonna e il bacino possono essere mantenuti in una corretta posizione reciproca e ciò permette al peso del corpo di essere scaricato efficientemente sulle gambe e quindi alla terra, conferendoci libertà di movimento ed energia.

Questo muscolo è quindi molto importante per la postura, inoltre, lo psoas ha una grande influenza a livello viscerale sull’apparato digerente, urinario e riproduttivo (soprattutto femminile); infatti anche se lo psoas non è direttamente connesso al pavimento pelvico, lo influenza perché condivide con il muscolo iliaco uno stesso tendine nel piccolo trocantere. Spesso sentiamo nominare il muscolo ileo psoas in realtà esso è formato da due porzioni distinte: il muscolo grande psoas, e il muscolo iliaco .

PERCHÈ VIENE SPESSO DEFINITO “IL MUSCOLO DELL’ANIMA”?

La stretta connessione tra il muscolo psoas e il diaframma fa si che questo ne risenta sulla sua elasticità e contrazione. Uno stile di vita moderno: la vita sempre più sedentaria, lo stress e le giornate di corsa tra posture sbagliate e sedili della macchina, tacchi alti e vestiti aderenti tendono ad contrarre questo muscolo in modo permanente.

Uno psoas contratto o indebolito porta, non solo a posture scorrette e a una limitata possibilità di movimento, ma soprattutto a una generale mancanza di energia, alla sensazione di non avere un appoggio interno e di non essere quindi ‘pronti’ ad affrontare le sfide della vita.

Lo psoas  canalizza la nostra energia, ci collega alla terra creandoci un sostegno che poi ci permette di fare fluire questa energia e vitalità nella nostra colonna vertebrale e nella nostra vita.

In pratica non è esagerato affermare che la salute del muscolo psoas sia determinante per la salute e il benessere fisico e mentale dell’intero organismo.

PSOAS E LO YOGA

Molti asana dello yoga, si concentrano sull’allungamento e il rilassamento dello psoas e sul ripristino dell’equilibrio in tutto il corpo. Con la pratica costante, si può imparare ad isolare, ammorbidire e allungare questo muscolo.

Una posizione semplice ma allo stesso tempo molto efficace è la “Posizione di Riposo Costruttivo” (PRC) coniata da Lulu Sweigard, che consiste in una posizione spontanea che utilizza la forza di gravità per rilasciare la tensione muscolare estranea, sostenendo al tempo stesso la colonna in posizione neutra. Questa posizione aiuta a ridurre il dolore alla parte bassa della schiena.

COME REALIZZARE LA POSIZIONE: Sdraiati a terra con le ginocchia piegate di 45 gradi e i piedi poggiati al pavimento. Le braccia in posizione di riposo lungo i lati del corpo. Rilassa il corpo in questa posizione con gli occhi aperti per 10-20 minuti.

Man mano che lo psoas si rilascia e libera le anche sentirai come il peso si sposta verso le gambe e ancori i piedi.

 

Ti aspettiamo nel nostro centro ad Ariccia, nel cuore dei Castelli Romani per una prova gratuita di Yoga.

Staff Yoga del Centro

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Hai bisogno di aiuto?